KGHM: i migliori risultati finanziari dell’azienda dal 2011

, August 27, 2021
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Aumento dell’EBIDTA rettificato del 100%, dei ricavi del 32%, dell’utile netto del 433% e produzione di rame aumentata dell’8,6% rispetto alla prima metà del 2020 – questi sono i risultati per la prima metà dell’anno che il gruppo di capitali KGHM ha presentato il 18 agosto sul trading floor della Borsa di Varsavia, i migliori in undicennio.

“Questi risultati fanno piacere ai nostri azionisti, il che è ovvio, ma anche i dipendenti beneficeranno di questo aumento, ma anche i dipendenti beneficeranno di questo aumento perché contribuiscono al profitto netto, quindi il loro premio sarà anche più alto” – ha dichiarato Marcin Chludziński, Presidente del Consiglio di Amministrazione di KGHM Polska Miedź S.A.

Il risultato netto, pari a 3,7 miliardi di zloty, ossia di 3 miliardi di zloty (più di cinque volte) in più rispetto a quanto registrato nella prima metà del 2020, il colosso del rame lo deve all’aumento della produzione e delle vendite e una maggiore redditività operativa in tutti i segmenti del gruppo.

“L’aumento della produzione metallurgica è legato a un aumento della lavorazione dei rottami, l’ingresso nell’economia circolare, e all’estero è dovuta principalmente un aumento della produzione nella nostra miniera di Sierra Gordon in Cile”, ha detto Andrzej Kensbok, Vicepresidente del consiglio di amministrazione del KGHM Polska Miedz S.A. per gli affari finanziari.

La miniera nel deserto di Alacama, appartenente al Capital Group, ha registrato un aumento del 30% nella produzione di rame a pagamento (51.000 tonnellate), che è stata influenzata sia dalla maggiore estrazione che da una maggiore presenza di rame nel minerale, rispetto alla prima metà del 2020. Anche a Sierra Gorda è aumentata la produzione di argento del 25 per cento (15,6 tonnellate).

“Siamo in un momento cruciale per quanto riguarda lo sviluppo della Sierra Gorda. La miniera ha raggiunto la piena indipendenza finanziaria. Per la prima volta, abbiamo un flusso di cassa positivo verso la Polonia. Nella prima metà dell’anno, è di quasi 500 milioni di PLN” – ha sottolineato Marcin Chludziński.

Secondo Paweł Gruza, vicepresidente del consiglio di amministrazione di KGHM Polska Miedź S.A. ds. l’ottima performance produttiva e finanziaria di Sierra Gorda e di altre attività estere della società, è dovuta in parte al programma di risparmio, attuato nella prima metà del 2020, quando i prezzi del rame sono diminuiti in modo significativo.

“I prezzi bassi hanno costretto a difficili decisioni di austerità. Siamo riusciti a mantenere questa disciplina dei costi fino al 2020 e siamo entrati quest’anno con posizioni di costo molto buone” ha spiegato Paweł Gruza e ha aggiunto che i risparmi combinati con un aumento della produzione, una situazione macroeconomica favorevole e l’aumento dei prezzi del rame si traducono in ottimi risultati finanziari.

Secondo Marcin Chłędński, le iniziative di ottimizzazione hanno portato ad un aumento della produzione senza grandi esborsi finanziari. “Stiamo creando valore da ciò che è già stato investito”, ha detto e citato un esempio dalla miniera di Sierra Gordon, dove l’aumento della flotta inserendo nello stabilimento diverse decine di macchine, si è tradotto in una produzione maggiore di diverse migliaia di tonnellate. Secondo il presidente di KGHM, il futuro appartiene al rame e all’argento.

“Il prezzo del rame ci favorisce. È superiore a quello del 2020, 2019 o 2018. E vogliamo approfittare di questa tendenza. Vogliamo trasformare l’azienda per rispondere a questa esigenza” – ha dichiarato Marcin Chludziński. Nei prossimi anni, KGHM prevede di costruire nuove miniere in Polonia, nelle quali, secondo Marcin Chludziński, l’estrazione mineraria fornirà all’azienda 20-30 anni di lavoro.

“Abbiamo firmato accordi con il Ministero dell’Ambiente e del Clima per uso minerario sia per Bytom Odrzańskie che per Kulów-Luboszyce. E in conformità con questi accordi, ci stiamo preparando per l’esplorazione in nuove aree”– ha dichiarato Adam Bugajczuk, Vicepresidente del Consiglio di Amministrazione di KGHM Polska Miedź S.A.ds. Sviluppo.

Il gigante del rame sta aggiornando la sua strategia per i prossimi anni. La nuova strategia dell’azienda presuppone una trasformazione verso l’esplorazione dei giacimenti di sale di potassio, per i quali esiste un mercato consolidato, e l’utilizzo di fonti energetiche alternative: fotovoltaico, energia nucleare, idrogeno e parchi eolici offshore.

L’azienda prevede nel 2030 di utilizzare per il 50% energia da fonti proprie, tra cui le fonti energetiche rinnovabili, che si tradurrà in una riduzione delle emissioni di CO2 di 900.000 tonnellate. La miniera di Sierra Gorda sarà alimentata al 100% da RES. In Polonia, Capital Group sta costruendo un parco fotovoltaico con una capacità di 3,14 MW a Legnica.

“La trasformazione dell’azienda è una migliore risposta alle esigenze e alla domanda del mercato – e quindi, un business migliore in futuro”– ha sottolineato Marcin Chludziński.

Fonte di informazione: PAP MediaRoom

Seguici su Facebook

La nostra comunità italiana in Polonia sta crescendo. Aiutaci a diventare numerosi. Metti mi piace alla nostra pagina



Caro lettore,

La tua voce è molto importante per noi. Vogliamo condividere con te informazioni utili e argomenti interessanti per la comunità italiana in Polonia. Se c'è qualcosa, storia, evento che vorresti pubblicizzare, scrivici a info@poloniami.pl

Ti invitiamo inoltre a inviarci annunci di lavoro, piccoli annunci per la vendita / acquisto, saremo lieti di comunicarli tra la nostra crescente comunità. Stiamo aspettando le tue informazioni!