I 10 libri polacchi da leggere assolutamente

, March 19, 2018
  • 4
    Shares

La letteratura polacca, sebbene non così conosciuta come quella dei suoi cugini tedeschi e russi, è una delle gemme della cultura europea. Questa lista copre una vasta gamma di generi ed epoche, e ognuno di questi libri ti aiuterà ad amare la Polonia un po ‘di più.

  • 4
    Shares
  • Manoscritto trovato a Saragozza di Jan Potocki (1804, 1810)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mauro Ortis (@omsclano) in data:

Questo è indubbiamente il libro più famoso scritto da un autore polacco – ma potrebbe anche essere il più misterioso. Ambientato principalmente nella Spagna del XVIII secolo, Il Manoscritto segue le avventure della guardia di Waloon Alphonse van Worden mentre cerca di svelare il mistero dell’antica famiglia Gomelez. Tuttavia, molto presto la narrativa scivola in una serie di storie intrecciate con un cast colorato di zingari, ladri, inquisitori, oltre a un cabalista, un geometrista e due principesse moresche.99

Scritto alla fine del XIX secolo da un aristocratico polacco in francese e mai pubblicato per intero durante la sua vita, il Manoscritto è stato definito in vari modi: un romanzo incorniciato, un romanzo fantastico avant la lettre o l’ultimo romanzo illuminista – anche se la sua visione ambivalente del mondo suggerisce piuttosto che è un primo faro del Romanticismo oscuro. Questa diversità e la mancanza di consenso tra gli storici della letteratura riflettono in parte la strana vita dopo la morte del manoscritto del libro, la cui storia è intricata come l’opera stessa (abbiamo oggi due o anche tre versioni uguali e rivali dell’opera).

Una cosa è certa, il romanzo di Potocki è difficilmente eguagliato da qualsiasi cosa nella letteratura mondiale e continua ad affascinare i lettori contemporanei che vedono il suo lavoro come predecessore di autori post-moderni come Thomas Pynchon e Umberto Eco (quelle teorie del complotto!). Coloro che non hanno voglia di entrare in un eccentrico racconto di 600 pagine incentrate su un racconto dovrebbero guardare l’adattamento cinematografico di Wojciech Jerzy Has del 1965 – ma attenzione, è ipnotizzante!

  •  La Bambola di Bolesław Prus (1890)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da TAK CZYTAM TANIA (@takczytam.gorz) in data:


La Bambola” è indiscutibilmente il più grande romanzo realista polacco – secondo alcuni, come Czesław Miłosz, è anche il più grande romanzo polacca di sempre. La bambola è la polacca Anna Karenina e Madame Bovary allo stesso tempo, anche se la polacca Anna / Emma è maschio e ha maniere brusche e mani enormi e rosse. “La Bambola” è incentrato sull’ossessiva storia d’amore tra l’aspirante arrivista Stanisław Wokulski e la ragazza dell’alta società Izabella Łęcka: tracciare l’impossibilità di questa relazione e l’incompatibilità dei loro status sociali diventa il principale punto di riferimento di Prus.

Ma “La Bambola”  devia dal classico romanzo realista psicologico europeo con i suoi ideali di obiettività e chiarezza. Attraverso il suo uso della polifonia e l’abbondanza di idee, il romanzo mette in discussione la possibilità stessa di rappresentazione oggettiva della verità. Il libro fu anche chiamato un prototipo del romanzo “post-coloniale” del XX secolo, in cui i personaggi imitano gli uomini ei maestri burattinai sono sempre altrove “(leggi di più). La bambola potrebbe anche essere unica nella letteratura mondiale poiché ha tentato di rappresentare l’intera società polacca del XIX secolo: con ritratti di membri dell’aristocrazia, della borghesia e del proletariato, nonché delle minoranze etniche e tedesche della Polonia.

  • I fratelli Ashkenazi di Israel J. Singer

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Roberta (@erredantes) in data:

Israel Joshua Singer, fratello di Isaac Singer, affronta il tema dell’ascesa e della decadenza borghese, attraverso le vicende di una famiglia immerse nella storia dell’ebraismo polacco, lungo l’arco di quasi un secolo. Un romanzo di impianto pienamente ottocentesco in cui lo sviluppo borghese si accompagna alla miseria del proletariato, le prime e contraddittorie lotte sociali e la progressiva presa di coscienza da parte dei lavoratori ai dissidi nazionali dell’impero zarista e al suo sfacelo, per arrivare alla rivoluzione e alla costituzione dell’inquieta e caotica repubblica polacca. Singer ricrea in una folla di personaggi, di eventi e di vicende private tutta la fenomenologia culturale, storica e politica di una pagina importante della storia polacca

  •  Il pianista. Varsavia 1939-1945. La straordinaria storia di un sopravvissuto di Wladyslaw Szpilman

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Anna Dowgiert (@anusia_d) in data:

Il 23 settembre 1939 Wladyslaw Szpilman, un giovane pianista di Varsavia, suonò il “Notturno” in C diesis minore di Chopin per la radio locale, mentre le bombe tedesche cadevano sulla città. Più tardi, un ordigno tedesco distrusse la centrale elettrica e la stazione radio polacca fu ridotta al silenzio. La guerra precipitò Varsavia nell’orrore dell’occupazione nazista. Rinchiusi nel ghetto, gli ebrei furono a poco a poco decimati. Agghiacciato testimone degli eventi che porteranno alla rivolta e all’evacuazione della città, Szpilman vide morire molti dei suoi amici e la sua intera famiglia, riuscendo miracolosamente a sopravvivere tra le rovine della sua amata Varsavia. “Il pianista” è allo stesso tempo la storia straordinaria della tenacia di un uomo di fronte alla morte e un documento della misteriosa, possibile umanità degli esseri umani: la vita di Szpilman fu salvata da un ufficiale tedesco che lo udì suonare quello stesso “Notturno” di Chopin su un pianoforte trovato fra le macerie.

  • Trans-atlantico di Witold Gombrowicz

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Grzegorz Wysocki (@grzewysocki) in data:


Da oltre l’Atlantico, guardando alla vecchia Europa dall’esilio argentino, lo scrittore polacco scomparso nel 1969 scrive una storia che è satira, critica, trattato, divertimento, assurdità, dramma e resa dei conti con il nazionalismo. Gombrowicz vi compie un impietoso tentativo di “psicoanalisi nazionale”: sviscera, con mezzi spesso poco ortodossi, l’anima polacca mostrandole la sua immagine ridicolizzata, goffa, meschina. E quali armi poteva scegliere per la sua battaglia lui, un esule osteggiato dagli emigrati politici perché troppo iconoclasta e dalla letteratura ufficiale in quanto emigrato? Naturalmente l’ironia e la risata.

  • La mia Europa di Czesław Miłosz (1959)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da dzien24 (@dzien24) in data:


Una lettura obbligata per chiunque sia interessato alla storia intricata e alla geografia di questa parte dell’Europa orientale. Nato a Seteiniai (non lontano da Kaunas) all’inizio del XX secolo, Miłosz è cresciuto nella regione che un tempo era il Commonwealth polacco-lituano (e che oggi è la Lituania). Questa tradizione ha fatto da sfondo ai suoi anni formativi. Questo patrimonio è ancora presente negli scritti di Miłosz ed è strumentale nel comprendere il carattere del locale e cosa significa essere un europeo orientale.

  • Solaris di Stanisław Lem (1961)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Popbookownik (@popbookownik) in data:


Solaris è il romanzo più famoso del maestro di fantascienza polacco Stanisław Lem. Ambientato in una stazione di ricerca cosmica che sorvola il pianeta Solaris, è la storia di scienziati che studiano la misteriosa superficie oceanica del pianeta, e che sono a loro volta studiati dallo stesso pianeta senziente. La situazione diventa altamente pericolosa quando il pianeta inizia a mostrare la capacità potenzialmente devastante di manifestare la loro coscienza, segreta e colpevole, in forma umana.

Solaris è stato considerato uno dei tentativi più originali nella letteratura fantascientifica a rappresentare la vita extra-terrestre, così come i limiti della ragione umana nel cercare di capire e comunicare con forme di vita aliene.

Il romanzo di Lem è stato adattato con entusiasmo al film. Un film televisivo russo in due parti (1968) è stato seguito da un adattamento d’arte del 1972 del regista Andriei Tarkovsky. Nel 2002, il romanzo è stato nuovamente adattato, questa volta da Steve Soderbergh con George Clooney nel ruolo principale.

Lem, dopo aver visto i primi due film, ha espresso delusione per gli adattamenti cinematografici del suo lavoro, osservando che nessuna delle versioni dipingeva gran parte della straordinaria “alienità” fisica e psicologica dell’oceano Solaris, che secondo lui, è il vero soggetto del libro.

  • Cosmo di Witold Gombrowicz (1965)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Anna (@dietroleparole.it) in data:


Se vuoi sapere come il viaggio di uno studente fuori città può andare terribilmente storto portando a una crisi esistenziale devastante, ecco un libro per te. Cosmo è la storia di detto studente, Witold, che decide di trascorrere un paio di giorni a Zakopane – per respirare un cambiamento, come spiega … Tuttavia, un uccello impiccato che incontra accidentalmente nel suo viaggio verso una pensione cambierà la sua intera traiettoria – sarà solo il primo anello di una sequenza di strani eventi che porterà gradualmente alla decomposizione dell’entità psichica di Witold e del mondo stesso.

L’opera finale di Witold Gombrowicz è senza dubbio una delle opere più belle e più oscure della letteratura mondiale, una di quelle storie che è orribilmente efficace nel mostrare come il mondo, in certe circostanze, perda la sua forma e il suo senso e si disintegri in una serie di segni vuoti. Ma attenzione, Cosmos ha purtroppo anche il terrificante successo di portare alcune di queste emozioni nel lettore. Il mondo non sarà più lo stesso dopo Cosmo!

  •  Arrivare prima del Signore Dio. Conversazione con Marek Edelman di Hanna Krall

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Magdalena Baranowska (@skrytka_kulturalna) in data:


Questo libro in versione integrale è stato scritto sul materiale raccolto durante le molte ore trascorse da Hanna Krall a intervistare Marek Edelman, l’ultimo leader della Rivolta del Ghetto di Varsavia. Edelman, che, a differenza di molti ebrei sopravvissuti all’Olocausto, decise di rimanere in Polonia dopo la Seconda Guerra Mondiale e divenne un rinomato cardiologo a Lodz, aveva la reputazione di essere una persona estremamente difficile con cui parlare, noto per la sua riluttanza ad affrontare le questioni più importanti. Il libro di Krall è una testimonianza del periodo più inumano nella storia dell’umanità e un monumento a un uomo che si è rifiutato di essere un eroe. Offre anche uno sguardo nella cucina letteraria della cosiddetta Scuola polacca di Reportage. Come trasformi molte ore di conversazione con qualcuno che non vuole davvero parlare in un’opera d’arte avvincente e drammatica?

Il caso costellazione di Zygmunt Miloszewski

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sylwia Herubin (@sylwia_herubin) in data:

Ultimo ma non per importanza, ecco che arriva il giallo polacco! Con l’autunno e l’inverno – le stagioni preferite dai libri criminali – essendo particolarmente brutti, lunghi e deprimenti in Polonia, e una storia complicata e sanguinosa che offre grandi contesti anche per le trame più intricate, il paese ha tutte le possibilità di sostituire la Svezia come la patria di romanzo poliziesco ambizioso. Tutti i fattori sopra citati sono in primo piano ne “Il caso costellazione”, probabilmente il romanzo poliziesco più interessante e di successo in cui compare la fiorente scena del crimine in Polonia. Questo Montalbano polacco si chiama Szacki, e ne “Il caso costellazione” il commissario approda nella piccola e pittoresca cittadina di Sandomierz, dove cercherà di risolvere il mistero dietro una serie di quelli che sembrano essere omicidi rituali. Le morti brutali sembrano seguire modelli trovati su un famigerato dipinto della cattedrale locale. La diffamazione di sangue e l’antisemitismo sembrano la chiave del mistero dietro la trama – ma sono loro? Perché, come in ogni romanzo poliziesco, non tutto è ciò che sembra essere, e la trama estremamente piacevole del romanzo di Miłoszewski offre una buona dose di critica sociale intelligente.

Seguici su Facebook

La nostra comunità italiana in Polonia sta crescendo. Aiutaci a diventare numerosi. Metti mi piace alla nostra pagina



Caro lettore,

La tua voce è molto importante per noi. Vogliamo condividere con te informazioni utili e argomenti interessanti per la comunità italiana in Polonia. Se c'è qualcosa, storia, evento che vorresti pubblicizzare, scrivici a info@poloniami.pl

Ti invitiamo inoltre a inviarci annunci di lavoro, piccoli annunci per la vendita / acquisto, saremo lieti di comunicarli tra la nostra crescente comunità. Stiamo aspettando le tue informazioni!

Comments

comments