Gli investitori americani vogliono una legge stabile e trasparente e un dialogo con le autorità polacche

, February 16, 2022
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Gli investitori americani in Polonia hanno fatto appello alle autorità polacche per un dialogo sui cambiamenti previsti nella legge e nelle tasse e per la stabilità, la prevedibilità e le interpretazioni inequivocabili del sistema giuridico.

Gli investitori americani in Polonia hanno fatto appello alle autorità polacche per un dialogo sui cambiamenti previsti nella legge e nelle tasse e per la stabilità, la prevedibilità e le interpretazioni inequivocabili del sistema giuridico. Il dibattito sul ruolo e le aspettative degli investitori stranieri, sotto il patrocinio della Camera di Commercio Americana in Polonia (AmCham), si è svolto durante l’Economic Forum di Karpacz (7-9 settembre 2021).

Adam Pieńkowski, CEO di McDonald’s Poland, ha parlato della preoccupazione per il futuro espressa da oltre 70 imprenditori polacchi che gestiscono i ristoranti della catena e che attualmente hanno paura di intraprendere nuovi investimenti nella modernizzazione dei locali.

“Nel frattempo, invece di digitalizzare il sistema fiscale, stiamo parlando della tassa sullo zucchero, delle tasse ambientali e di altre tasse attualmente annunciate. Non siamo contrari a queste soluzioni, ma dovrebbero essere rinviate in modo che l’industria della ristorazione, che ha sofferto di più durante la pandemia, guadagni tempo per ricostruire il business”– ha fatto appello Adam Pieńkowski.

Roman Pałac, Presidente di Gemini Polska, ha apprezzato questi cambiamenti legali, che hanno rafforzato il ruolo delle farmacie nel sistema sanitario in Polonia durante la pandemia di Covid.

“L’importanza delle farmacie e dei farmacisti è aumentata in modo significativo in un momento in cui i pazienti avevano un accesso limitato ai medici”, ha affermato il presidente di Gemini Polska.

Ha sottolineato che le farmacie sono rimaste aperte durante la pandemia, hanno venduto continuamente medicinali e i farmacisti hanno fornito consigli ai clienti.

Allo stesso tempo – come problema significativo per gli investitori nell’industria farmaceutica – ha indicato le diverse interpretazioni della legge da parte delle istituzioni statali.

“Il problema sta nel cambiare l’approccio dei funzionari dell’ispettorato farmaceutico, che è in contraddizione con le decisioni dell’Ufficio per la concorrenza e la tutela dei consumatori. Laddove UOKiK non vede l’esistenza del Gruppo Capital, GIF definisce, contrariamente alla logica legale, un accordo di franchising con un concetto inadeguato del Gruppo Capital in questo campo “, ha affermato Roman Pałac.

A suo parere, la mancanza di sviluppo di reti di franchising limita le possibilità di entrare nel mercato per i giovani farmacisti che potrebbero accedere al capitale e al supporto offerto all’interno della rete e acquisire conoscenze su come gestire questo business logisticamente complesso e regolamentato.

Natalia Stroe, General Manager per la Polonia e gli Stati baltici di Coca-Cola Poland Services, ha altresì dichiarato la sua aspettativa di dialogo da parte delle autorità e di stabilizzazione del contesto giuridico.

“In condizioni di imprevedibilità, è estremamente difficile pianificare lo sviluppo del business”, ha sottolineato.

Ha chiesto un dibattito sul sistema fiscale per evitare tasse discriminatorie, in cui le imprese sopportano un onere sproporzionato rispetto alla loro quota di mercato.

Natalia Stroe ha sottolineato che le consultazioni con gli investitori internazionali sono vantaggiose anche per il governo, perché possono condividere le loro esperienze su altri mercati. Ha sottolineato che il marchio Coca-Cola è presente sul mercato polacco da oltre 50 anni, impiega 1800 persone in Polonia e utilizza il 95% dei fornitori locali nei suoi impianti di produzione.

Marian Sepesi, direttore regionale di Amazon Operations in Europa, ha anche sottolineato che la Polonia – oltre a stabilizzare le normative legali e fiscali e semplificare le regole di esportazione per le PMI – dovrebbe sviluppare il sistema educativo in modo tale che gli investitori stranieri possano continuare a contare sulla possibilità di acquisire dipendenti e le loro competenze professionali. Attualmente, l’azienda – che ha nove centri logistici in Polonia – nota problemi nella ricerca di dipendenti.

Bartosz Ciołkowski, direttore regionale di Mastercard per Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia, ha sottolineato che la partnership tra amministrazione statale e imprese è fondamentale per l’efficace funzionamento di settori chiave, come il funzionamento dei sistemi di pagamento elettronici.

“Contiamo sul dialogo e sulla fiducia delle autorità polacche. Siamo un’azienda americana, ma siamo soggetti alle leggi e ai regolamenti dell’Unione Europea” – ha sottolineato Bartosz Ciołkowski, aggiungendo che Mastercard serve 25 milioni di clienti in Polonia. Ha ammesso che un esempio di tale cooperazione di successo tra il governo e le imprese è la Cashless Poland Foundation.

Michał Jaszczyk, Presidente di Pepsi-Cola General Bottlers Poland, ha sottolineato che il periodo di pandemia non ha causato la sospensione dei piani per l’apertura di un altro quinto stabilimento di produzione della società in Polonia, questa volta producendo snack per i mercati dell’Europa occidentale. Tuttavia, ha ammesso che nel settore delle bevande, la società ha sentito l’impatto negativo della cosiddetta tassa sullo zucchero.

Seguici su Facebook

La nostra comunità italiana in Polonia sta crescendo. Aiutaci a diventare numerosi. Metti mi piace alla nostra pagina



Caro lettore,

La tua voce è molto importante per noi. Vogliamo condividere con te informazioni utili e argomenti interessanti per la comunità italiana in Polonia. Se c'è qualcosa, storia, evento che vorresti pubblicizzare, scrivici a info@poloniami.pl

Ti invitiamo inoltre a inviarci annunci di lavoro, piccoli annunci per la vendita / acquisto, saremo lieti di comunicarli tra la nostra crescente comunità. Stiamo aspettando le tue informazioni!