Coface: Fatturato in aumento per le aziende polacche

, October 4, 2019
  • 76
    Shares

PKN Orlen è in cima alla classifica delle più grandi compagnie dell’Europa centrale e orientale preparata da Coface. Jeronimo Martins Polska – proprietario della catena Biedronka – si classifica al 4 ° posto. La Polonia è leader della classifica. Fatturato in aumento per 175 società nazionali. L’incremento è di circa il 9,1% in più.

  • 76
    Shares

Il fatturato totale di tutte le 500 aziende prese in considerazione dalla studio, è aumentato del 9,6%. Circa  698 miliardi di euro in più. Le società polacche hanno generato un fatturato superiore del 9,1% e hanno dominato la classifica delle più grandi imprese della regione sia in termini di numero di società (175 entità) sia in termini di valore del fatturato raggiunto nel 2018, che ha superato i 275 miliardi di euro.

Se da un lato, il favorevole contesto macroeconomico ha contribuito all’aumento del fatturato, dall’altro, i profitti delle imprese sono diminuiti – nel caso delle società polacche sono diminuiti del 5,7%.

Anche le più grandi imprese hanno dovuto affrontare importanti sfide commerciali, tra cui l’aumento dei costi di produzione, la pressione su ulteriori aumenti salariali o carenze di personale che incidono sulla riduzione delle operazioni correnti e sul potenziale sviluppo.

In molti settori, l’alto livello di concorrenza non ha permesso un adeguato aumento del margine che sarebbe stato in grado di compensare i costi più elevati.

I tre settori rappresentati dalle più grandi aziende della regione (automobilistico e dei trasporti, carburante, chimica e commercio) rappresentano ancora quasi il 60% dei ricavi generati. Sebbene tutte le industrie abbiano registrato un aumento del fatturato, il contributo maggiore è stato dato dai settori:

  • Energetico
  • Automobilistico
  • Commerciale.

Vediamo in dettaglio.

Il settore dei carburanti e delle sostanze chimiche sta tornando alla posizione di leader

Risultati immagini per PKN Orlen

Source: wyborcza

Il settore dei carburanti e delle sostanze chimiche (risorse minerarie, prodotti chimici, prodotti petroliferi, nonché materie plastiche e prodotti farmaceutici) sta tornando alla posizione di leader ed è il più grande settore che beneficia dell’aumento dei prezzi del petrolio nei primi tre trimestri del 2018.

L’aumento delle tensioni e delle preoccupazioni sul commercio globale ha causato un calo dei prezzi del petrolio negli ultimi mesi del 2018, ma la riduzione dell’offerta da parte dell’OPEC e dei suoi alleati li ha mantenuti al di sopra del minimo del 2016. Inoltre, le società dell’Europa centrale e orientale sono attive principalmente nel segmento inferiore di questo settore , vale a dire nella raffinazione e nella lavorazione di petrolio e gas. Pertanto, sono stati in grado di adeguare i margini nel settore della raffinazione e non hanno perso molto a causa della caduta dei prezzi delle materie prime. Questo è quanto risulta dallo studio condotto da Coface.

Recessione del settore automobilistici e dei trasporti

Il settore automobilistico e dei trasporti ha perso la sua posizione di leadership, che aveva un anno prima. I ricavi delle società sono aumentati del + 7,6% con una riduzione degli utili netti del -11,7%. Le prestazioni inferiori nel settore automobilistico e dei trasporti rispetto al 2017 riflettono la recessione globale in questo settore.

Risultati immagini per volkswagen poznań

Source: volkswagen-poznan

I fattori responsabili sono:

  • rallentamento ciclic,
  • il crescente protezionismo
  • i cambiamenti strutturali nel settore

tra l’altro quest’ultimi risultano dagli investimenti nell’innovazione e dal cambiamento del comportamento dei consumatori – leggi anche qui – Il deterioramento della situazione nel settore ha le sue ripercussioni nei paesi dell’Europa occidentale, compresa la Germania, dove la produzione automobilistica si sta chiaramente riducendo. Tuttavia, questo settore rimane ancora un forte punto di riferimento economico per la regione.

Il terzo settore sul podio è il commercio non specializzato

Risultati immagini per biedronka

Source: italiafruit

Il terzo settore sul podio è il commercio non specializzato. Come l’anno precedente, la principale forza trainante della crescita nell’Europa centrale e orientale è stata il consumo delle famiglie, il cui tasso di crescita ha persino accelerato nel 2018, a seguito della bassa disoccupazione e dell’aumento dei salari. L’impatto positivo della forte domanda è soppresso dalle difficoltà incontrate da questo settore:

  • l’aumento dei salari dei dipendenti
  • i clienti sensibili ai prezzi
  • forte concorrenza

Questi 3 fattori stanno esercitando pressioni sui margini. Si prevede comunque che i consumi delle famiglie rimarranno il principale motore della crescita, anche se una crescita limitata degli investimenti in immobilizzazioni e minori esportazioni contribuiranno a ridurre la crescita del PIL. 

Bibliografia:

COFACE CEE TOP 500 COMPANIES – 2019 EDITION

Seguici su Facebook

La nostra comunità italiana in Polonia sta crescendo. Aiutaci a diventare numerosi. Metti mi piace alla nostra pagina



Caro lettore,

La tua voce è molto importante per noi. Vogliamo condividere con te informazioni utili e argomenti interessanti per la comunità italiana in Polonia. Se c'è qualcosa, storia, evento che vorresti pubblicizzare, scrivici a info@poloniami.pl

Ti invitiamo inoltre a inviarci annunci di lavoro, piccoli annunci per la vendita / acquisto, saremo lieti di comunicarli tra la nostra crescente comunità. Stiamo aspettando le tue informazioni!

Comments

comments