Invasione Polonia: L’orrore del diluvio svedese

, October 3, 2019
  • 30
    Shares

Negli ultimi quattro secoli, la Polonia è stata invasa, occupata e saccheggiata molte volte e la sua gente è stata brutalmente assassinata. Gli attacchi vennero da tutte le parti, ma il diluvio svedese e l’occupazione tedesca durante la seconda guerra mondiale causarono senza dubbio le maggiori perdite.

  • 30
    Shares

Sebbene l’occupazione tedesca e quella svedese sono due eventi distanti di circa tre secoli, hanno molto in comune. In entrambi i casi, le terre polacche native erano sotto occupazione straniera e la portata delle perdite demografiche, materiali e culturali sono state catastrofiche.

Alcuni ricercatori ritengono addirittura che l’invasione svedese sia stata per molti aspetti più distruttiva dell’occupazione tedesca. A questo proposito, è curioso notare come il così detto “diluvio svedese” è in gran parte un “lavoro tedesco” . Infatti il re svedese Charles X Gustav era un nativo tedesco della dinastia Wittelsbach e nel suo esercito servirono molti soldati mercenari dei paesi del Reich. Coincidenze? 😀

Vi è, tuttavia, una differenza significativa tra questi eventi. Nel 1939, il Wermacht nazista invase un paese che non era tra i più ricchi e in realtà stava solo curando le ferite dopo precedenti disastri e anni di partizioni. Al contrario, il diluvio svedese, confluì in ricchezze che gli invasori non avevano in casa e questo portò ad un declino delle città polacche.

Immagine correlata

Source: polskieradio
Il Diluvio svedese, fu una delle scene di guerre guidate dalla Svezia negli anni 1655-1660. L’obbiettivo era il dominio completo sul Mar Baltico, provocando guerre con la Polonia sulla foce della Vistola e della Livonia . Il conflitto ebbe anche le sue radici nella disputa sul trono svedese all’interno della dinastia Vasa, che fu rivendicata dai re polacchi di questa dinastia. Il conflitto si concluse formalmente con pace di Oliwa nel 1660.
La guerra con gli svedesi fu combattuta contemporaneamente alla guerra russo-polacca 1654-1667 nota come Diluvio russo. 

Il saccheggio dei barbari

L’entità del danno arrecato dagli svedesi può essere visto guardando le moderne guide turistiche. Quasi in ogni rovina pittoresca dei secoli passati troveremo la nota: “distrutta durante l’invasione svedese”.

Gli svedesi non solo hanno devastato le terre conquistate su una scala senza precedenti, ma erano anche caratterizzati da una passione veramente barbara per la distruzione.

Risultati immagini per Potop szwedzki

Source: tytus

Fu solo durante la seconda guerra mondiale che la Germania mostrò una regolarità simile negli omicidi e nei saccheggi. Il Diluvio svedese fu una serie di infinite processioni di eserciti di entrambe le parti del conflitto, che si inseguirono per diversi anni in quasi tutto il territorio della Corona e in parte in Lituania. La maggior parte delle chiese, dei castelli, dei palazzi e degli edifici cittadini lungo il percorso delle marce degli svedesi furono rovinati.

Gli svedesi spogliarono gli interni di castelli, palazzi, manieri, monasteri e chiese di tutto ciò che aveva alcun valore, compresi i dettagli architettonici. I soldati svedesi furono in grado di raschiare scaglie d’oro dalle stecche che decoravano gli interni del Castello Reale di Varsavia, per ottenere quattro ducati d’oro da esso.

Distrussero anche la bara del re Władysław IV nella Cattedrale di Wawel per estrarne due chiodi d’argento. I più alti comandanti hanno dato un cattivo esempio, ad esempio il generale Würtz ha spogliato il reliquiario di St. Stanisław nella cattedrale di Wawel da fogli d’argento.

Calo demografico e regressione culturale

Le perdite demografiche furono enormi: il numero di vittime ammontava a un massimo di 4 milioni di cittadini della Corona e della Lituania. La situazione in campagna non era molto migliore rispetto alle città.

Il numero di fattorie contadine bruciate e derubate è impossibile da stimare, ma era certamente enorme.

Risultati immagini per Potop szwedzki

Source:blog.magnapolonia

Proporzionalmente, questo è più che durante l’ecatomba della popolazione polacca durante la seconda guerra mondiale. Fu il risultato di una guerra disastrosa e di una regressione culturale e religiosa non indifferente.

Gli svedesi hanno metodicamente rovinato l’industria polacca: mulini, birrifici, miniere, acciaierie, punti commerciali. A volte hanno costretto brutalmente gli abitanti delle terre conquistate a distruggere oggetti importanti, ad esempio a Zakroczym hanno dovuto demolire la miniera di sale.

Quelle poche città polacche, castelli, palazzi e villaggi che sfuggirono alla distruzione durante il Diluvio o ricostruirono rapidamente, inevitabilmente caddero vittime della seconda, non meno distruttiva invasione dell’esercito svedese durante la Grande Guerra del Nord (principalmente 1701-1709).

E tre secoli dopo, negli anni ’40, arrivò un altro cataclisma gigantesco, che minacciò la distruzione dell’intera nazione e i suoi successi secolari.

 

Seguici su Facebook

La nostra comunità italiana in Polonia sta crescendo. Aiutaci a diventare numerosi. Metti mi piace alla nostra pagina



Caro lettore,

La tua voce è molto importante per noi. Vogliamo condividere con te informazioni utili e argomenti interessanti per la comunità italiana in Polonia. Se c'è qualcosa, storia, evento che vorresti pubblicizzare, scrivici a info@poloniami.pl

Ti invitiamo inoltre a inviarci annunci di lavoro, piccoli annunci per la vendita / acquisto, saremo lieti di comunicarli tra la nostra crescente comunità. Stiamo aspettando le tue informazioni!

Comments

comments