La musica rock polacca: Czesław Niemen

, August 31, 2019
  • 329
    Shares

Cantante, compositore, polistrumentista e cantautore. Nacque il 16 febbraio 1939 a Stare Wasiliszki vicino a Nowogródek e morì il 17 gennaio 2004 a Varsavia. Czesław Niemen il musicista rock che ha fatto la storia del rock polacco.

  • 329
    Shares

Czesław Juliusz Wydrzycki è nato il 16 febbraio 1939 nella Polonia nord-orientale, nell’odierna Bielorussia. Il suo villaggio natale di Stare Wiliszki non è così lontano dal fiume Neman. Ed è proprio qui che nasce il suo nome d’arte: Niemen in polacco, che in seguito verrà trasformato legalmente in un secondo cognome.

Cantante carismatico con una voce unica, è stato anche uno dei primi musicisti in Polonia a utilizzare strumenti elettronici su larga scala. Da bambino cantava in un coro di chiesa e frequentava una scuola di musica nella vicina Grodno. Dopo il reinsediamento della famiglia Wydrzycki negli anni ’50 nella Polonia del dopoguerra, iniziò a studiare alla scuola di musica secondaria di Danzica, mentre si esibiva in cabaret e club studenteschi, esibendosi in successi popolari con l’accompagnamento di una chitarra acustica.

Source: Instagram @mkidn_gov_pl

Ed è stato qui che il giovane Niemen ha iniziato la sua carriera musicale.

Possiamo dire che i club studenteschi e le cover di canzoni popolari, sono state il suo trampolino di lancio che ha permesso al mondo di far conoscere questo incredibile talento. L’artista si distingueva dai suoi contemporanei per il suo incredibile timbro vocale e presto si unì a una band soprannominata “Beatles polacca” i Niebiesko-Czarni (Blue-Blacks).

Nel 1967, registrò il suo LP “Strange Is This World” – Il brano divenne una delle canzoni di protesta più significative della storia polacca.

Eseguendo la canzone per la prima volta dal vivo in pubblico durante il 5 ° Festival Nazionale della canzone polacca di Opole, il capolavoro fu paragonato a “It’s a Man’s Man’s World” di James Brown. 

Gli anni ’70 portarono una nuova innovazione nella musica di Niemen e con la sua nuova band “Niemen Enigmatic” iniziò a esplorare nuovi territori musicali, iniziando con il rock psichedelico e progressivo, attraverso la musica elettronica fino a quella sperimentale e all’avanguardia. Per questo motivo è considerato uno dei primi pionieri della musica rock psichedelica nella Polonia comunista della fine degli anni 60′.

Anche la sua carriera internazionale decollò e al suo apice nel 1974, registrò quello che è ancora considerato il suo più significativo LP in lingua inglese, “Mourner’s Rhapsody”.

Accompagnato da leggende jazz-rock tra cui Jan Hammer alla batteria, Rick Laid al basso e voci di accompagnamento del membro fondatore di The Manhattan Transfer, Erin Dickins, Niemen ha lasciato a bocca aperta i critici con la sua voce e l’esecuzione sul sintetizzatore Moog e sul piano Fender.

La leggenda del rock polacco

I dischi di Niemen sono un must have per tutti i polacchi appassionati del vero rock, quello che ha fatto la storia. Il rock di protesta contro il regime comunista. La musica che si libera nell’aria facendo respirare rivoluzione. Niemen voleva tutto questo. Era lui stesso la rivoluzione.

L’artista morì di cancro a Varsavia il 17 gennaio 2004.

I suoi resti cremati furono collocati su una necropoli nel cimitero Powązki della città dove da allora i fan devoti hanno tenuto accese lampade e candele.

La sua eredità sopravvive ancora oggi. Il suo nome è stato dato a molte piazze centrali in città polacche come Danzica , SopotCzęstochowa o Bielsko-Biała. Nel 2009 la Banca nazionale di Polonia ha coniato le monete da 10 zloty con la sua faccia.

Source: thefirstnews

È stato anche ufficialmente nominato patrono del “festival dei giovani talenti non-stop di Niemen (” Festiwal Młodych Talentów Non Stop Niemen “).

La sua canzone intitolata Sen o Warszawie (‘Dream about Warsaw‘) è riconosciuto come l’inno non ufficiale di Varsavia.

Da marzo 2004 è stato eseguito all’inizio di ogni singola partita giocata dalla squadra di calcio Legia allo stadio di Varsavia .

La sua musica oltre ad essere affascinante e innovativa ha sopratutto unito, ancora una volta, il popolo polacco.

Seguici su Facebook

La nostra comunità italiana in Polonia sta crescendo. Aiutaci a diventare numerosi. Metti mi piace alla nostra pagina



Caro lettore,

La tua voce è molto importante per noi. Vogliamo condividere con te informazioni utili e argomenti interessanti per la comunità italiana in Polonia. Se c'è qualcosa, storia, evento che vorresti pubblicizzare, scrivici a info@poloniami.pl

Ti invitiamo inoltre a inviarci annunci di lavoro, piccoli annunci per la vendita / acquisto, saremo lieti di comunicarli tra la nostra crescente comunità. Stiamo aspettando le tue informazioni!

Comments

comments