Zibi Boniek: calciatore eccezionale, allenatore mediocre, al timone del calcio polacco

, February 16, 2022
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Zbigniew Boniek è una delle figure più importanti nella storia del calcio polacco. Un tempo ottimo calciatore e uno dei pochi che, dopo aver lasciato la realtà comunista, si è ritrovato nel mondo del grande calcio. Più tardi, un allenatore, uomo d’affari e infine un presidente di lunga data di PZPN.

Zbigniew Boniek è una delle figure più importanti nella storia del calcio polacco. Un tempo ottimo calciatore e uno dei pochi che, dopo aver lasciato la realtà comunista, si è ritrovato nel mondo del grande calcio. Più tardi, un allenatore, uomo d’affari e infine un presidente di lunga data di PZPN. Presentiamo la panoramica, i fatti e i traguardi più importanti della vita del sessantacinquenne. Zbigniew Boniek è una delle figure più importanti e caratteristiche della storia del calcio polacco. Il 18 agosto 2021 verrà eletto un nuovo presidente di PZPN e il sessantacinquenne terrà le redini della federazione dopo nove anni. Negli anni della sua carriera, Boniek si è sicuramente distinto dall’immagine tradizionale dell’atleta polacco. Dopo i successi con Widzew, è andato in Italia e con i colori della Juventus, accanto a Michel Platini o Paolo Rossi, ha conquistato l’Europa Prima di diventare il capo del PZPN, Boniek ha anche avuto un’avventura come selezionatore della squadra nazionale. Torna da lei con riluttanza. Dopo la partita contro la Danimarca nel 2002, è scomparso all’aeroporto

 

Da Widzew al mondo del grande calcio

Zbigniew Kazimierz Boniek è nato il 3 marzo 1956 a Bydgoszcz. È figlio di Jadwiga e Józef, che negli anni 1946-1961 ha giocato anche a calcio e ha rappresentato i colori di: Czarne/Stal Nakło, OWKS / CWKS /Zawisza Bydgoszcz e Polonia Bydgoszcz. In quest’ultimo club, il padre del successivo semifinalista della Coppa del Mondo ha giocato 60 partite nel campionato più alto in Polonia. Zbigniew Boniek è un alunno di Zawisza, in cui ha fatto i suoi primi passi nel calcio nel 1968.

Ha fatto il suo debutto nella squadra di Bydgoszcz il 20 ottobre 1973, quando era uno studente del terzo anno di liceo. Nel 1975, da giovane centrocampista, andò al Widzew Łódź e fu in questo club che conobbe i suoi migliori anni della sua carriera nella sua terra d’origine. Nella squadra di Łódź in 172 partite ha segnato 50 gol. Con il Widzew ha vinto per la prima volta tre vice-campionati polacchi (1977-1980), e alla fine della sua avventura con questo club ha raggiunto due campionati nazionali consecutivi (nel 1981 e nel 1982). Nel frattempo, è stato nominato Scoperta dell’Anno nel Plebiscito “calcistico” nel 1976, e negli anni successivi è stato riconosciuto per due volte (nel 1978 e nel 1982) come il miglior calciatore dell’anno in Polonia.

 

“Conservo una videocassetta di quella partita fino ad oggi “

A Łódź, ha giocato in grandi partite e sono stati loro che gli hanno permesso di andare all’estero. Nel 1977 ha giocato in pareggio con il Manchester City (2-2) – una storica, prima partita di Widzew nelle coppe europee. Il club polacco era ultimo in classifica dopo un inizio di stagione disastroso, mentre gli inglesi erano brillanti e guidavano nella massima divisione del Regno Unito. Nell’incontro di Maine Road, hanno condotto per 2-0. Poi il segnale all’attacco è stato dato da Boniek, che dopo aver giocato un calcio di punizione dalla distanza ha segnato un gol di contatto. Questo ha abbassato il ritmo dei padroni di casa e i polacchi sono stati incoraggiati a lottare per un pareggio. Un quarto d’ora prima della fine hanno avuto un calcio di rigore. L’esecutore nominato era Wiesław Chodakowski, che in precedenza era andato a segno nella lega. Quando ha dovuto avvicinarsi alla palla all’undicesimo metro, ha esitato leggermente. Lo ha intuito Boniek, che, proprio come un anno dopo ai Mondiali nella partita contro l’Argentina, e nel caso del rigore di Kazimierz Deyna, ha offerto senza tante cerimonie al suo collega di dieci anni più grande di prendersi cura di lui del calcio di rigore.

 

Zbigniew Boniek saluta la presidenza del PZPN.

La differenza è che Deyna rifiutò e Chodakowski accettò. Boniek ha segnato con sicurezza, il portiere è andato nella direzione opposta. Widzew ha clamorosamente pareggiato 2-2, e nella rivincita Lodz ha mantenuto un pareggio senza reti e avanzato al turno successivo della Coppa UEFA. All’età di 21 anni, Boniek divenne il leader de facto della band. Tre anni dopo, Widzew affrontò la Juventus. Nella prima partita vinse clamorosamente 3-1, ma nella rivincita di Torino perse 0-2. Nel libro “In area di rigore” Boniek ha scritto una frase significativa che mostra come lui stesso ha percepito il suo ruolo in campo.” Ora mi rendo conto che se non prendo la squadra ora, usciremo dal campo sconfitti”. Quindi doveva farlo. E lo fece. Ci sono quei minuti fastidiosi, la Juventus è in movimento. Młynarczyk vola ai pali. Può finire male. Infine, prendo la palla e vedo che il lato destro è libero, mi muovo dalla parte anteriore del campo in un rally, corro il più possibile nelle gambe, Scirea cresce davanti a me, lo gioco, raggiungo la linea di fondo, ma non mi fermo, perché dietro di me rimbombano le gambe di Heel e Gentile, che vuole falciare Mark, così passo bruscamente, Heel spara … Ecco!” – Boniek ha riferito nel libro. Gli italiani sono riusciti a rispondere con un altro gol, che Józef Młynarczyk ha fatto in modo fenomenale. Boniek è stato l’ultimo ad avvicinarsi alla palla. Hits – Widzew è promosso. Non colpisce – andiamo avanti, tutto può ancora accadere.

Boniek non delude, sconfigge Dino Zoff. La grande Juventus ha detto addio alla Coppa UEFA! Sei anni dopo, ancora un calciatore attivo, Zibi ha fatto questa confessione: “Tengo la videocassetta di quella partita fino ad oggi come una reliquia, e quando succede che gioco peggio in una partita di campionato o in una squadra rappresentativa, ricreo quei momenti meravigliosi per costruirmi mentalmente. Lo uso come antibiotico. “I miei superiori erano ben consapevoli che non avrebbero trovato un giocatore migliore per esibirsi negli stadi d’Europa” Nel 1982, Zbigniew Boniek andò all’estero e andò alla Juventus, con la quale vinse i suoi trofei più importanti nel calcio di club negli anni 1983-1985. Prima ha vinto il Vice-Campionato Italiano e la Coppa Nazionale nel 1983, poi ha vinto il campionato italiano e ha raggiunto la Supercoppa Europea e la Coppa delle Coppe nel 1984. La finale di quest’ultima coppa è uno scontro vincente con il Porto. Il polacco ha segnato il gol della vittoria, e così ha raggiunto la vetta. Aveva un contratto importante, ma altre grandi aziende europee erano interessate a lui. La stampa speculava su dove avrebbe potuto andarsene e chi lo avrebbe sostituito. Sono stati menzionati i nomi più importanti. Boniek nel libro lo ha commentato in uno stile molto caratteristico: “I miei superiori erano ben consapevoli che non avrebbero trovato un giocatore migliore per esibirsi negli stadi d’Europa.

Questa non è una presunzione da parte mia, ma né Robson, né Socrate o Zico avrebbero giocato meglio di me nelle coppe europee. È molto probabile che la Juventus non avrebbe vinto così tanti premi in tre anni”. Inutile dire che non è andato da nessuna parte … Al termine della sua avventura con la squadra torinese, vince la Coppa dei Campioni nel 1985, quando l’unico gol viene segnato da Michel Platini dopo un fallo su Boniek. Anni dopo, la finale viene ricordata non per il risultato, ma per la tragedia che si è svolta sugli spalti. Allo stadio Heysel di Bruxelles sono scoppiati scontri tra tifosi inglesi e italiani, che hanno provocato la morte di 39 persone. Nel luglio 1985 viene trasferito alla Roma. Con questa squadra nel 1986 ha vinto la Coppa Italia e il vice-campionato del paese, e a Roma ha giocato dal 1985 al 1988. Durante quel periodo, ha registrato 17 goal in 76 partite. Boniek terminò la sua carriera da giocatore nel 1988 all’età di 32 anni.

 

Rigore segnato da Deyna e terzo posto nel plebiscito del Pallone d’Oro

Per Zbigniew Boniek, l’anno 1976 è stato estremamente importante, perché il 24 marzo ha fatto il suo debutto nella squadra polacca guidata da Kazimierz Górski. Allo stadio della Slesia di Chorzów, la Polonia ha perso contro l’Argentina 1-2 e Boniek è stato sostituito al 64 ° minuto. Nella sua terza partita per la nazionale, ha segnato il primo gol. Ebbe luogo l’11 maggio 1976 in uno scontro con la Svizzera (1-2). Negli anni successivi, Boniek è stato un pilastro della squadra nazionale, in cui ha giocato fino al 1988, durante il quale ha giocato 80 partite in squadra, colpendo la rete degli avversari 24 volte. Zbigniew Boniek ha rappresentato la Polonia durante tre tornei finali ai Campionati del Mondo (1978, 1982, 1986). In questo primo torneo, è stata pronunciata una delle frasi più famose nella storia della nazionale polacca. “Kaziu, se sei nervoso, dai, tirerò io”, ha detto Boniek a Kazimierz Deyna prima dei calci di rigore contro l’Argentina. Queste parole caddero dalla bocca del ventiduenne al capitano e a una grande leggenda.

Deyna ha sprecato un rigore, e dopo il campionato ha concluso la sua carriera. Boniek è apparso in 16 partite alla Coppa del Mondo, segnando sei gol. Soprattutto nel 1982 e la Coppa del Mondo in Spagna hanno avuto un enorme successo per la nostra squadra guidata da Antoni Piechniczek, così come lo stesso Boniek. I Biancorossi conquistarono il terzo posto in questo torneo, sconfiggendo la Francia per 3-2 nello scontro decisivo. Zbigniew Boniek ha segnato quattro gol ai Mondiali del 1982, e nello scontro con il Belgio (3-0) ha segnato una tripletta. Fu uno degli incontri più memorabili di Boniek con i colori nazionali. Boniek è stato convocato per l’undicesimo torneo in Spagna. Dopo la Coppa del Mondo nel 1982, Zbigniew Boniek è stato premiato dalla rivista France Football, che nel suo plebiscito per il miglior calciatore d’Europa lo ha collocato al terzo posto.

Nel 1982, Zbigniew Boniek è stato anche votato il miglior atleta polacco nel Plebiscito di “Przegląd Sportowy”.

 

“Boniek come allenatore, la Polonia come outsider”

Dopo aver terminato la sua carriera professionale, Zbigniew Boniek si è laureato presso l’Accademia di Educazione Fisica di Varsavia. Nel 1989 si iscrive alla scuola italiana di coaching di Coverciano. In Italia, ha sviluppato una forte reputazione per aver giocato per Juventus e Roma. Ne conseguì il fatto che già nel 1990 assunse l’incarico di primo allenatore, nella squadra di Serie A us Lecce. Tuttavia, non è riuscito a mantenere questa squadra nella massima divisione. L’anno seguente, Zbigniew Boniek ha avuto nuovamente la possibilità di guidare la squadra di Serie A – AS Bari. Anche la seconda avventura con il ruolo di allenatore in Serie A non ebbe successo, perché l’AS Bari fu retrocesso dal campionato. Negli anni successivi, Zbigniew Boniek allenò club di serie inferiori, ma senza successo.

È stato prima allenatore della Sambenedettese dal 1992 al 1993 e poi dell’Avellino dal 1994 al 1996. Dopo la coppa del mondo senza successo nel 2002, per un breve periodo (da luglio a dicembre), Zbigniew Boniek è diventato il selezionatore della squadra nazionale polacca. Questa è la parte peggiore del curriculum di un individuo eccezionale nella storia dello sport polacco. Il 20 novembre 2002 la Polonia giocò una partita contro la Danimarca al ParkenStadium. Come si sarebbe scoperto due settimane dopo, fu l’ultimo incontro dei BiancoRossi sotto la guida di Boniek. I tifosi polacchi hanno appeso uno striscione sugli spalti con l’eloquente testo “Boniek un allenatore, la Polonia un outsider”.

I tifosi non sopportano il caos, che era allora il miglior attributo del gioco della squadra. La squadra nazionale ha perso la partita con la Danimarca 0-2, e dopo di essa, ancora all’aeroporto, Boniek è scomparso. Due settimane dopo, si dimise da allenatore.

 

PZPN, Brzęczek e Vicepresidente UEFA

Zbigniew Boniek è stato vicepresidente del PZPN fino all’agosto 2002 e dal 2004 al 2006. È stato associato a Widzew Łódź come uno dei comproprietari e membri del consiglio di amministrazione dell’associazione, e poi dal 18 giugno 2007 al settembre 2008 è stato membro del Consiglio di Sorveglianza del Widzew Łódź SA Sports Club. Nell’ottobre 2008, Zbigniew Boniek si candidò alla carica di presidente della Federcalcio polacca, ma Grzegorz Lato ricevette più sostegno.

Dopo quattro anni – si candidò di nuovo alle elezioni per il capo del PZPN e vinse al secondo turno. Da quando Zbigniew Boniek ha assunto la carica di presidente, l’immagine di PZPN è migliorata. A fine ottobre 2016 l’attivista è stato eletto per il successivo e allo stesso tempo l’ultimo mandato del capo del PZPN, perché i regolamenti non gli consentono più di ricoprire questa carica. Nel frattempo, nell’aprile 2017, Zbigniew Boniek è stato eletto nel Comitato Esecutivo UEFA durante il 41° Comitato Esecutivo UEFA. Congresso dell’Unione Europea di Calcio a Helsinki. Il quarto di finale del ME 2016 è stato un grande successo, seguito da enormi delusioni ai Mondiali 2018 e ai Campionati Europei 2021.

Gli ultimi due tornei, e soprattutto il coinvolgimento di Jerzy Brzęczek come allenatore della nazionale, polacca e il licenziamento tardivo (o troppo presto, a seconda della narrazione) dell’allenatore hanno gettato un’ombra profonda sul secondo mandato di Boniek nella federazione. – Ho invitato Jerzy Brzęczek a casa mia, abbiamo bevuto caffè, l’ho informato della separazione. Questo è un giorno triste per me, ma mi assumo la responsabilità di questa decisione. Ho riflettuto a fondo, devo guardare al bene del personale”, ha detto il sessantacinquenne, che durante la sua presidenza era noto per prendere decisioni da solo. Il 20 aprile, Zbigniew Boniek è stato nominato vicepresidente della UEFA e ha potuto aspettare in pace la fine del suo impegno con la Federcalcio polacca.

 

Premi, curiosità e vita privata Nel 1982,

Zbigniew Boniek è stato insignito della Croce di Cavalerski dell’Ordine della Restituzione della Polonia, mentre nel 1997 è stato insignito del Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Anche nel ventunesimo secolo, Boniek ha ricevuto molti premi. Nel 2004. il leggendario Pele ha inserito Boniek nella lista FIFA 100, cioè nella lista dei migliori calciatori viventi, preparata per il centenario della Federazione Internazionale delle Federazioni Calcistiche (FIFA). Nel 2009, Zbigniew Boniek ha ricevuto il premio Golden Foot “All-Time” alla carriera. Inoltre, nel 2006 Boniek è stato scelto come giocatore del Cinquantesimo Anniversario nel Plebiscito del ” Pallone d’Oro” del settimanale “Calcio”, e dieci anni dopo nello stesso plebiscito è stato onorato come Calciatore del Sessantisimo Anniversario.

Nel 2018 Boniek è stato insignito del titolo di Cittadino Onorario del Voivodato di Łódź, mentre nel 2019 è stato incluso negli undici del centenario del PZPN. Zbigniew Boniek è fortemente associato alla penisola appenninica. Si mescola permanentemente a Roma e, oltre alla cittadinanza polacca, ha anche la cittadinanza italiana. Nel 1976, Zbigniew Boniek sposò Wiesława, e hanno tre figli: due femmine e un maschio. Boniek ha avuto la sua stella nel Viale delle Stelle dello Sport a Władysławowo dal 2005. Inoltre, è apparso anche in spot pubblicitari per un famoso marchio di birra e una rete di telefonia mobile.

Un fatto interessante è anche che in suo onore è stato nominato il nome Boniek, nato nel 1984, calciatore honduregno, Oscar Boniek Garcia Ramirez – più di 100 volte rappresentante dell’Honduras nel calcio, nonché un partecipante alla Coppa del Mondo nel 2014.

Seguici su Facebook

La nostra comunità italiana in Polonia sta crescendo. Aiutaci a diventare numerosi. Metti mi piace alla nostra pagina



Caro lettore,

La tua voce è molto importante per noi. Vogliamo condividere con te informazioni utili e argomenti interessanti per la comunità italiana in Polonia. Se c'è qualcosa, storia, evento che vorresti pubblicizzare, scrivici a info@poloniami.pl

Ti invitiamo inoltre a inviarci annunci di lavoro, piccoli annunci per la vendita / acquisto, saremo lieti di comunicarli tra la nostra crescente comunità. Stiamo aspettando le tue informazioni!