Servizio ricerca del PE: i cittadini dell’UE hanno acquistato 6,6 milioni di tonnellate di abbigliamento e calzature nel 2020

, June 13, 2022
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In una relazione sull’impatto ambientale dell’abbigliamento e delle industrie tessili, il Servizio di ricerca del Parlamento europeo ha riferito che “tra il 1996 e il 2012, la quantità di vestiti acquistati per persona nell’UE è aumentata del 40%.

Nel 2020, i residenti nell’UE hanno acquistato 6,6 milioni di tonnellate di abbigliamento e calzature (14,8 kg a persona). Secondo i dati Eurostat, ogni cittadino dell’UE ha speso in media 600 euro per l’abbigliamento e 150 euro per le calzature, ha riferito l’Ufficio di analisi del PE. Gli esperti hanno sottolineato che solo meno della metà degli abiti usati viene riciclata.

In una relazione sull’impatto ambientale dell’abbigliamento e delle industrie tessili, il Servizio di ricerca del Parlamento europeo ha riferito che “tra il 1996 e il 2012, la quantità di vestiti acquistati per persona nell’UE è aumentata del 40%.
“Si stima che nel 2020 i residenti dell’UE abbiano acquistato 6,6 milioni di tonnellate di abbigliamento e calzature (14,8 kg a persona). Secondo i dati Eurostat, ogni cittadino dell’UE ha speso in media 600 euro per l’abbigliamento, 150 euro per le calzature e 70 euro per i tessuti per la casa. È stato un anno in cui il fatturato dell’industria tessile nell’Unione è diminuito del 9% a causa della pandemia di coronavirus, con un aumento simultaneo del consumo di tessuti per la casa” – ha osservato.
Secondo gli esperti, “l’industria dell’abbigliamento è al quarto posto in termini di impatto ambientale tra tutte le categorie di consumo nell’UE”.
“Questo impatto è spesso sentito in paesi al di fuori dell’UE, dove avviene la maggior parte della produzione. La produzione di materie prime e tessuti e la loro tintura richiede l’uso di enormi quantità di acqua e sostanze chimiche, compresi i pesticidi. L’uso da parte dei consumatori ha anche un grande impatto sull’ambiente a causa dell’acqua, dell’energia e delle sostanze chimiche utilizzate per il lavaggio, l’asciugatura in asciugatrice e la stiratura, nonché a causa delle microplastiche rilasciate nell’ambiente. Meno della metà degli indumenti usati viene raccolta per il riutilizzo o il riciclaggio quando non è più necessaria e solo l’1% viene riciclato in nuovi vestiti “, hanno scritto.
Poiché una parte significativa dell’impatto ambientale è associata alla fase di produzione – leggiamo – è stato fatto un grande sforzo per prolungare la vita dei vestiti.
“Secondo le stime della Environmental Coalition on Standards, estendere la vita utile dei vestiti di nove mesi ridurrebbe l’impatto ambientale del 20-30%. Pertanto, sono stati sviluppati vari concetti per prolungare la vita dell’abbigliamento”- è stato informato.
Tra queste proposte, gli autori del rapporto hanno citato, per esempio, la moda circolare, che mira a mantenere i materiali in circolazione il più a lungo possibile nel consumo e nella produzione, e la moda lenta, cioè l’opposto del fast fashion.
“Questo è un tentativo di convincere i consumatori ad acquistare meno vestiti e di migliore qualità e ad usarli più a lungo. Questa filosofia include l’affidamento su catene di approvvigionamento affidabili, la produzione su piccola scala, le tecniche artigianali tradizionali, l’uso di materiali locali e abbigliamento stagionale “, hanno spiegato.
L’Ufficio di ricerca del PE ha sottolineato che “la moda intelligente potrebbe ridurre drasticamente gli sprechi”. Citando un rapporto “Pulse of the Fashion Industry” del 2018, hanno sottolineato che in futuro “la tecnologia intelligente potrebbe essere utilizzata per produrre vestiti per adattarsi istantaneamente ai desideri dei consumatori, ad esempio cambiando colore, oltre a ridurre la necessità di produrre più versioni dello stesso abbigliamento”.
“Alcuni marchi più piccoli stanno già evitando la sovrapproduzione, producendo solo ciò che i consumatori ordinano. A sua volta, la moda virtuale potrebbe essere utilizzata dagli utenti dei social media che sentono la pressione di mostrarsi costantemente in nuovi vestiti” – ha concluso.
fonte:
https://pap-mediaroom.pl/polityka-i-spoleczenstwo/biuro-analiz-pe-w-2020-r-mieszkancy-ue-kupili-66-mln-ton-odziezy-i-obuwia

Seguici su Facebook

La nostra comunità italiana in Polonia sta crescendo. Aiutaci a diventare numerosi. Metti mi piace alla nostra pagina



Caro lettore,

La tua voce è molto importante per noi. Vogliamo condividere con te informazioni utili e argomenti interessanti per la comunità italiana in Polonia. Se c'è qualcosa, storia, evento che vorresti pubblicizzare, scrivici a info@poloniami.pl

Ti invitiamo inoltre a inviarci annunci di lavoro, piccoli annunci per la vendita / acquisto, saremo lieti di comunicarli tra la nostra crescente comunità. Stiamo aspettando le tue informazioni!