L’UE teme che le nuove politiche italiane possano dare il via alla prossima crisi della zona Euro

, May 23, 2018

La coalizione di governo emergente in Italia (M5S- Lega Nord) rischia ostacolare una più profonda integrazione della zona euro e potrebbe preparare le basi per la prossima crisi del blocco europea, se effettivamente attuerà le politiche di taglio fiscale e di spesa elevata: i politici e gli economisti europei temono questa situazione.

Bruxelless.

Come tutti ben sappiamo, Il Movimento a 5 stelle italiano e la Lega di estrema destra si stanno avvicinando a un accordo di coalizione governativo che riunirebbe due partiti con opposte visioni ma che entrambi vogliono contestare i limiti dell’Unione Europea sui prestiti e le spese governative.

Le norme dell’UE limitano il deficit del bilancio pubblico al 3% del PIL e del debito al 60% del PIL e obbligano i governi a cercare di avere bilanci equilibrati.

Con un debito di circa il 132% del PIL e una crescita economica lenta, l’Italia è stata a lungo una grossa preoccupazione per i responsabili delle politiche monetarie della zona euro.

“Con il governo M5S / LN, i problemi sottostanti dell’economia italiana, tra cui bassa crescita, mercati del lavoro inflessibili, sistema bancario inefficiente e amministrazione pubblica non saranno affrontati, in molti casi solo peggiorati”, ha dichiarato Jan von Gerich, Chief Strategist di Nordea in una nota per i clienti.

“In breve, la fiducia nei confronti dell’Italia è destinata ad affrontare pesanti test sotto il governo di M5S / LN, anche se le due parti non saranno in grado di attuare appieno il loro programma”, ha affermato.

I rendimenti dell’indice di riferimento italiano a 10 anni sono aumentati di tre punti base giovedì al 2,13%, il massimo da fine febbraio. IT10YT = RR L’aumento è arrivato dopo il picco di 16 punti base di mercoledì, il più grande aumento di un giorno da marzo 2017.

Per ridurre il debito, la Lega desidera chiedere all’ufficio statistico europeo Eurostat di non contare i 250 miliardi di euro di debito detenuti dalla Banca centrale europea nel calcolo dei livelli del debito italiano ai fini delle norme del bilancio dell’UE.

Ma i funzionari dell’UE hanno respinto l’idea, affermando che dal momento che l’Italia era l’emittente del debito, non importava chi l’avesse detenuto – investitori privati o BCE – era ancora denaro che l’Italia doveva.

– PRENDERE IN PRESTITO PIù SOLDI PER RIDURRE IL DEBITO? 

Il probabile nuovo governo potrebbe aumentare ulteriormente il debito, come ha affermato il leader di Five-Star, Luigi Di Maio, “la ricetta per ridurre il debito pubblico è data investimenti e politiche espansive”.

La politica di punta del M5S di un reddito universale per i poveri costerebbe circa 17 miliardi di euro (20 miliardi di dollari) all’anno. Allo stesso tempo, lo schema del marchio di fabbrica della Lega, un’aliquota fissa del 15% per le aziende e per i privati, è quello di tagliare le entrate fiscali di 80 miliardi di euro all’anno.

Un piano per eliminare una riforma pensionistica impopolare costerebbe 15 miliardi di euro e sarebbero necessari altri 12,5 miliardi per far fronte a un aumento automatico delle imposte sulle vendite dovuto per il prossimo anno.

“Esiste il pericolo reale che il nuovo governo italiano possa, attraverso le sue politiche economiche irresponsabili, preparare il terreno per la prossima crisi della zona euro”, ha detto un secondo alto funzionario coinvolto nella definizione delle politiche della zona euro.

I piani della coalizione italiana emergente sono in netto contrasto con quelli dell’amministrazione uscente di centro-sinistra, che ha promesso che il disavanzo fiscale sarebbe sceso quest’anno all’1,6 per cento del PIL dal 2,4 per cento nel 2017, per poi scendere allo 0,8 per cento l’anno prossimo con un bilancio equilibrato nel 2020.

“Tutti sono preoccupati che l’Italia diventi ingovernabile, e che i populisti guideranno il paese verso un’altra profonda crisi”, ha detto un terzo funzionario della zona euro.

Alcuni funzionari hanno espresso una nota più ottimistica, dicendo che una volta al potere, i due partiti italiani dovranno rapidamente ridimensionare le promesse della campagna radicale per adattarsi alla realtà.

“Sono già diventati più moderati e questo probabilmente continuerà. E anche se così non fosse, saranno disciplinati con altri mezzi, come i mercati finanziari “, ha detto un quarto alto funzionario della zona euro.

Ma il leader della lega, Matteo Salvini, ha lanciato un tono di sfida:

“Più ci insultano, più ci minacciano, più ci ricattano, più ho voglia di intraprendere questa sfida”, ha detto.

Nicola Nobile, economista di Oxford Economics, ha dichiarato che le politiche della coalizione potrebbero produrre un rimbalzo a breve termine della crescita al 3% nel 2019 e al 2% nel 2020, rispetto a una base di circa l’1% per entrambi gli anni.

Ma significherebbe anche che i costi di finanziamento dell’Italia aumenterebbero drasticamente a causa della preoccupazione per la sostenibilità del debito a lungo termine. Nobile ha dichiarato che i rendimenti a lungo termine raggiungerebbero il 5% entro il 2022, rispetto al 4% della linea di base e un rendimento attuale dell’1,9% su obbligazioni decennali.

IN ATTESA UN’INTEGRAZIONE PIù PROFONDA DELLA ZONA EURO

L’Italia è fondamentale per una più profonda integrazione della zona euro che miri a preparare al meglio i 19 paesi che condividono la moneta unica per la prossima crisi, qualunque essa sia.

Finora, i piani ambiziosi del presidente francese Emmanuel Macron hanno incontrato una bella accoglienza a Berlino. Con un governo euroscettico in Italia, la terza economia della zona euro, potrebbero essere effettivamente congelati, hanno detto funzionari e economisti.

“Se (loro) … sono d’accordo su un programma governativo per l’Italia, i piani di riforma del presidente francese Macron rischiano di essere ampiamente falliti una volta per tutte”, ha detto in una nota l’economista capo di Commerzbank Joerg Kraemer.

“Un tale governo italiano sembrerebbe irresponsabile in termini di politica fiscale e ridurrebbe ulteriormente la volontà di molti elettori nel nord della zona euro di sostenere i piani di Macron per una maggiore ridistribuzione dei rischi e del reddito”, ha detto.

Un’integrazione tra zona centrale e zona euro più profonda mira a rendere il settore bancario più resiliente. Ciò comporterebbe l’obbligo di diversificare i portafogli obbligazionari delle banche, ponendo limiti alla quantità di debito di un singolo sovrano che una banca può detenere.

Sarebbe anche per la prima volta le regole medie su come sarebbe effettuata una ristrutturazione del debito sovrano nella zona euro. L’enorme debito pubblico dell’Italia è principalmente di proprietà nazionale, rendendo entrambe le questioni altamente sensibili per Roma.

“Mi aspetto che sarà straordinariamente più difficile discuterne con un nuovo governo italiano che con quello attuale”, ha affermato il quarto responsabile delle politiche dell’UE.

– L’ITALIA POTREBBE CREARE UN DILEMMA PER LA BCE

I funzionari hanno dichiarato che l’enorme debito pubblico dell’Italia è ora efficacemente sovvenzionato dal programma di acquisto di obbligazioni della BCE.

Ma una volta che finisce, il deficit ancora alto dell’Italia e la bassa crescita significherebbe che il premio richiesto dai mercati per i prestiti all’Italia aumenterebbe drasticamente.

Poiché i responsabili delle politiche concordano che l’Italia è troppo grande per essere salvata dal fondo di salvataggio della zona euro, la BCE potrebbe trovarsi di fronte a un dilemma: iniziare a stringere la politica e rischiare il collasso dell’Italia e una nuova crisi della zona euro, oppure mantenere la politica libera per aiutare Roma a finanziare il debito .

“Una crisi non è probabile nei prossimi 12-18 mesi, ma una volta che la BCE inizia a stringere, mi preoccuperei”, ha detto il secondo ufficiale.

“Uno scenario alternativo è che la BCE avrebbe la sensazione di non poter aumentare i tassi senza provocare crisi in Italia e quindi la politica monetaria comincia a perdere la sua indipendenza. Noi economisti chiamiamo questo “dominio fiscale”. Non è probabile, ma comunque … “disse il funzionario.

Seguici su Facebook

La nostra comunità italiana in Polonia sta crescendo. Aiutaci a diventare numerosi. Metti mi piace alla nostra pagina



Caro lettore,

La tua voce è molto importante per noi. Vogliamo condividere con te informazioni utili e argomenti interessanti per la comunità italiana in Polonia. Se c'è qualcosa, storia, evento che vorresti pubblicizzare, scrivici a info@poloniami.pl

Ti invitiamo inoltre a inviarci annunci di lavoro, piccoli annunci per la vendita / acquisto, saremo lieti di comunicarli tra la nostra crescente comunità. Stiamo aspettando le tue informazioni!

Comments

comments