Krzysztof Komeda: Il ricordo a 50 anni dalla sua morte

, April 23, 2019

Krzysztof Komeda (Krzysztof Trzciński), compositore jazz, pianista e dottore. Nato il 27 aprile 1931 a Poznan, è morto il 23 aprile 1969 a Varsavia.

“La vita somiglia molto al jazz… è meglio quando si improvvisa.” Oggi la Polonia ricorda un’artista straordinario, Krzysztof Komeda.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Astigmatic Records (@astigmaticrecords) in data:

Biografia

Nato a Poznań nel 1931, Krzysztof Komeda si distingue come uno dei migliori talenti musicali della Polonia. Ha studiato pianoforte fin dalla tenera età, ed è stato inserito nel conservatorio di Poznań nel 1939. Dopo la Laurea in Medicina e alcuni anni di lavoro come Otorinolaringoiatra, si dedica alla professione di musicista. Nel 1955 crea un complesso che diventa poi molto famoso. Dal 1958, grazie al regista polacco Roman Polanski, si dedica al cinema e alla televisione.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Andrzej Cała (@andrzejcala) in data:

Noto come Krzysztof Trzciński si ritrovò soprannominato Komeda dopo aver scarabocchiato la parola su un muro – aveva intenzione di scrivere “komenda” (come nel posto di comando) – mentre giocava con i suoi compagni.

La Polonia e il jazz

Il jazz fu per Komeda un modo per esprimere la sua sete di sperimentazione e si incrociò con tutti i tipi di musica, sviluppandosi liberamente nella ritmica e contaminandosi con diversi linguaggi sonori. Attraverso di essi l’artista polacco, che si considerava responsabile di tutte le componenti sonore di un film tendendo a una ‘totalità’ espressiva in unione con le immagini, diede voce all‘inquietudine dei giovani e di tutti coloro che ambivano alla libertà individuale in regimi costrittivi.

Le opere di maggior successo

Il primo a utilizzare il jazz di K. fu Polanski, il quale nel 1957, mentre frequentava ancora la Scuola di cinema di Łódź, trasse dal repertorio del compositore le musiche per il suo primo cortometraggio. Da allora tutti i lungometraggi di Polanski, fino alla morte di K., sono accompagnati dalla sua musica.

Tra le sue opere bisogna ricordare:

  •  Nóz w wodzie (1962; Il coltello nell’acqua)

  • Repulsion (1965)

  • Dance of the vampires (1967)

 Il tragico incidente

Come tutti i grandi, la sua morte è avvolta nel mistero. Morì a Varsavia a causa di lesioni cerebrali dovute ad un precedente incidente automobilistico a Los Angeles, mentre Roman Polański afferma che a causare l’ematoma fu il suo amico Marek Hłasko dopo averlo spinto da una scarpata mentre erano ubriachi.

Marek Hłasko and Krzysztof Komeda.JPG
By Marek Nizich-Niziński – Wiadomości Nr 26/1971 (http://www.kpbc.ukw.edu.pl/dlibra/plain-content?id=3786), Public Domain, Link

Seguici su Facebook

La nostra comunità italiana in Polonia sta crescendo. Aiutaci a diventare numerosi. Metti mi piace alla nostra pagina



Caro lettore,

La tua voce è molto importante per noi. Vogliamo condividere con te informazioni utili e argomenti interessanti per la comunità italiana in Polonia. Se c'è qualcosa, storia, evento che vorresti pubblicizzare, scrivici a info@poloniami.pl

Ti invitiamo inoltre a inviarci annunci di lavoro, piccoli annunci per la vendita / acquisto, saremo lieti di comunicarli tra la nostra crescente comunità. Stiamo aspettando le tue informazioni!

Comments

comments