Insurrezione di Varsavia: Krzysztof Kamil Baczyński

, October 13, 2019
  • 26
    Shares

Krzysztof Kamil Baczyński, è stato ucciso a Blanka Palace il 4 agosto alle 16 circa. Il poeta è stato colpito da un cecchino tedesco che sparò dall’edificio del Grand Theatre. Il 1 settembre è morta sua moglie Barbara. Entrambi sono sepolti nel cimitero militare di Powązki a Varsavia.

  • 26
    Shares

L’era della Seconda Guerra Mondiale e l’occupazione della Polonia da parte di nazisti e sovietici innescarono il movimento patriottico dei polacchi espresso non solo nella formazione di numerose organizzazioni che combattevano contro gli occupanti, ma ispirò anche una nuova generazione di poeti e artisti. Molti di loro sono morti giovani.

I pokolenie Kolumbów, termine che indica la generazione di polacchi che nacquero poco dopo che la Polonia riacquistò l’indipendenza nel 1918 e la cui adolescenza fu segnata dai tragici tempi della seconda guerra mondiale.

Il termine stesso fu coniato da Roman Bratny nel suo ben accolto romanzo del 1957 Kolumbowie. Rocznik 20 e si basava sul nome di Cristoforo Colombo, poiché Bratny descrisse l’intera generazione come quelli che scoprirono la Polonia.

Source: Instagram @junona
Uno dei poeti più famosi di questa generazione fu Krzysztof Kamil Baczyński. È nato il 22 gennaio 1921 a Varsavia. Suo padre era un ufficiale delle Legioni polacche durante la prima guerra mondiale, poi un ufficiale dell’intelligence militare per l’esercito polacco e poi un critico letterario. La madre di Krzysztof era insegnante e autrice di libri di consultazione per le scuole. Entrambi i suoi genitori erano cattolici con radici ebraiche.

Krzysztof è cresciuto in un’atmosfera patriottica. Ha collaborato con la stampa clandestina di sinistra: “Płomienie” e “Droga”. Nel 1940 furono pubblicate due edizioni della sua poesia “Zamknięty echem” (Closed by Echo) e “Dwie Miłości” (Two Loves).

Nelle sue prime poesie era vicino allo stile di un gruppo di poesie di Vilnius “aryagary” che esprimeva il destino dell’Arcadia perduta in uno scontro con le forze apocalittiche.

Ma l’esperienza della brutalità della guerra ha plasmato la sua poesia avvicinandolo ai bardi del Romanticismo. Ha usato nella sua poesia simboli, parole chiave e metafore. La sua poesia è definita come una dicotomia di due stili intellettualmente discorsivo e visionario-simbolico con connessione a leggende, miti e sogni.

Il quarto giorno della rivolta: L’ultimo della sua vita

Zbigniew Czajkowski-Dabczynski, nel suo libro Dziennik Powstanca (Diario di un ribelle), fornisce un resoconto dettagliato della morte di Krzysztof.

Quel giorno venne a sapere da un amico, che stava dando la caccia ai tedeschi con grande successo, delle rovine del Teatro dell’Opera. Il giorno dopo arrivò la richiesta di una pattuglia di pronto soccorso per aiutare un ferito nel Palac Blanka

Krzysztof era disteso su un tappeto persiano con un’enorme ferita in testa. Era morto.

Gli infermieri portarono il corpo al municipio. Quella stessa sera si tenne il funerale. Era piuttosto solenne. La tomba fu scavata nel cortile del municipio. Erano presenti una sessantina di persone, soldati, ufficiali, civili. Qualcuno ha detto qualche parola. Il corpo fu calato nella tomba.

Source: Instagram @dariusz.domanski.792
Abbiamo cantato tutti l’inno nazionale, poi la tomba è stata riempita. 

Era solo il quarto giorno della Rivolta, il 4 agosto 1944. Il 24 agosto, l‘amata moglie del poeta Basia viene ferita. Muore il primo settembre, non sapendo della morte di Krzysztof. In molte delle sue poesie Baczynski era profetico. In una poesia “A Little Song” (“Pioseneczka”), datata 16 gennaio 1942, dedicata a Basia, scrisse:

E così, sporgendoci sulle acque,
galleggeremo via verso l’oblio
e sulla terra piangeremo per noi solo le
nostre ombre che ci siamo lasciati alle spalle

Durante quei giorni terribili molte croci spuntavano per le strade di Varsavia. I polacchi difendevano i loro posti strada per strada, casa per casa, piazza per piazza. Varsavia stava crollando in macerie, ma continuava a combattere.

Seguici su Facebook

La nostra comunità italiana in Polonia sta crescendo. Aiutaci a diventare numerosi. Metti mi piace alla nostra pagina



Caro lettore,

La tua voce è molto importante per noi. Vogliamo condividere con te informazioni utili e argomenti interessanti per la comunità italiana in Polonia. Se c'è qualcosa, storia, evento che vorresti pubblicizzare, scrivici a info@poloniami.pl

Ti invitiamo inoltre a inviarci annunci di lavoro, piccoli annunci per la vendita / acquisto, saremo lieti di comunicarli tra la nostra crescente comunità. Stiamo aspettando le tue informazioni!

Comments

comments