Il futuro nucleare del settore energetico polacco

, May 18, 2022
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Covid-19 e la guerra in Ucraina – gli ultimi due anni sono stati segnati dal regno dei “cigni neri”, che hanno interrotto le catene di approvvigionamento e innescato la necessità di reindustrializzare i paesi europei, e quindi la necessità di sviluppare fonti energetiche pulite, economiche e stabili. Un’alternativa ai combustibili fossili è l’energia nucleare a emissioni zero e indipendente dal punto di vista ambientale, per la quale l’accettazione sociale in Polonia è aumentata all’80% ed è la più alta della storia.

Le sfide relative all’introduzione dell’energia nucleare nel settore energetico polacco sono state discusse dai partecipanti al dibattito “Energia nucleare. Sogni sociali di energia economica, a emissioni zero e accessibile”, che si è svolto durante l’International Climate Summit ToGetAir 2022.

L’ultimo decennio ha visto uno sviluppo molto dinamico delle tecnologie dei reattori. I progetti più avanzati sono britannici, francesi e americani. KGHM Polska Miedź S.A., il secondo più grande consumatore di energia in Polonia, con un consumo di 2,9 TWh, ha scelto il progetto SMR (piccole centrali nucleari modulari) della società americana NuScale, che è l’unico autorizzato da SDA, un regolatore americano. Il primo reattore sarà installato nel 2029 e la tecnologia sarà messa in funzione nel 2030.

“Il 14 febbraio di quest’anno a Washington, abbiamo firmato un accordo con NuScale per quanto riguarda l’implementazione di SMR in Polonia per rispondere alle esigenze energetiche di KGHM. Quest’anno presenteremo una domanda e un rapporto preliminare sulla sicurezza per ottenere l’approvazione dell’Agenzia nazionale per l’energia atomica, il regolatore polacco”, ha dichiarato Piotr Podgórski, direttore generale per la trasformazione energetica, KGHM Polska Miedź S.A.

Il progetto NuScale consente di costruire un’unità di potenza modulare con una capacità flessibile da 300 a 900 MW, dove ogni modulo ha il proprio alloggiamento di sicurezza individuale: un serbatoio in acciaio strettamente adiacente al serbatoio del reattore. Ci sarà un vuoto tra questi serbatoi, quindi il reattore può essere collocato in una piscina e immerso nell’acqua. Ciò aumenta significativamente la sicurezza e riduce i costi, in quanto non esistono sistemi di approvvigionamento idrico a pressione. Piotr Podgórski ha spiegato che la decisione di scegliere gli SMR per le esigenze di KGHM è stata presa nel 2021 ed è il risultato di una decisione aziendale.

“KGHM è un magnate, ma se vogliamo competere su un mercato che non è facile, dobbiamo guardare attentamente al lato dei costi e a lungo termine, perché stiamo parlando di qualcosa che accadrà tra 8-9 anni” – ha osservato.

Gli SMR non sono l’unica tecnologia nell’industria nucleare la cui implementazione è presa in considerazione in Polonia. Westinghouse, che progetta e costruisce grandi centrali elettriche su larga scala simili a quelle di Fukushima e Chernobyl, offre grandi reattori di terza generazione. L’azienda ha sviluppato un sistema di sicurezza passiva per loro.

“Gli involucri di sicurezza del reattore sono resistenti a un attacco terroristico, perché quando non c’è alimentazione esterna, è possibile continuare a raffreddare il reattore utilizzando l’energia interna” – ha sottolineato Mirosław Kowalik, Presidente di WESTINGHOUSE.

Tomasz Nowacki, direttore del Dipartimento dell’Energia Nucleare presso il Ministero del Clima e dell’Ambiente, ha sottolineato che alla fine il 25% del mix energetico proverrà dall’energia nucleare. Tuttavia, ritiene che la cooperazione con un partner – per decenni – sarà cruciale per lo sviluppo del settore dell’energia nucleare polacca.

“Il governo si è impegnato a costruire 6-9 GW di energia dalle centrali nucleari, ristretti ai reattori pressurizzati dove non ci sono stati guasti. Non possiamo permetterci di rischiare di pianificare il futuro sulla base di soluzioni che ancora non esistono. Lo stato è in grado di assumersi il rischio finanziario dell’implementazione di nuove tecnologie, ma gli imprenditori si assumeranno il rischio di costruire un “primo nel suo genere” ” – ha spiegato.

L’Agenzia nazionale per l’energia atomica sottolinea le principali sfide legate alla concessione di licenze per un progetto che non ha precedenti in Polonia.

“Se abbandoniamo rapidamente i combustibili fossili provenienti dall’est, il tasso di sostituzione con una componente nucleare è molto veloce. La legge atomica prevede che abbiamo 24 mesi per comunicare una decisione, altri nove mesi per consentire un avvio e altri sei mesi per entrare in funzione. L’intero processo sarà portato avanti per la prima volta nel nostro paese, dobbiamo prepararci bene” – ha sottolineato Andrzej Głowacki, vicepresidente dell’Agenzia statale per l’energia atomica.

Fonte d’informazione: https://pap-mediaroom.pl/biznes-i-finanse/atomowa-przyszlosc-polskiej-energetyki

 

Seguici su Facebook

La nostra comunità italiana in Polonia sta crescendo. Aiutaci a diventare numerosi. Metti mi piace alla nostra pagina



Caro lettore,

La tua voce è molto importante per noi. Vogliamo condividere con te informazioni utili e argomenti interessanti per la comunità italiana in Polonia. Se c'è qualcosa, storia, evento che vorresti pubblicizzare, scrivici a info@poloniami.pl

Ti invitiamo inoltre a inviarci annunci di lavoro, piccoli annunci per la vendita / acquisto, saremo lieti di comunicarli tra la nostra crescente comunità. Stiamo aspettando le tue informazioni!