Forum economico a Karpacz: l’industria dell’alcol postula il rilascio delle vendite dei suoi prodotti su Internet

, February 22, 2022
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Gli imprenditori dell’industria dei prodotti alcolici chiedono l’introduzione di norme legali che consentano la vendita di alcol su Internet. “Non possiamo accettare che gli alcolici siano l’unica categoria di prodotti alimentari che è stata esclusa da questo canale di vendita” – ha dichiarato Aneta Jóźwicka, Direttore delle Relazioni Aziendali per il Nord Europa di Diageo Polska durante un panel al XXX Forum Economico di Karpacz.

Gli imprenditori dell’industria dei prodotti alcolici chiedono l’introduzione di norme legali che consentano la vendita di alcol su Internet. “Non possiamo accettare che gli alcolici siano l’unica categoria di prodotti alimentari che è stata esclusa da questo canale di vendita” – ha dichiarato Aneta Jóźwicka, Direttore delle Relazioni Aziendali per il Nord Europa di Diageo Polska durante un panel al XXX Forum Economico di Karpacz.

“L’impossibilità di commerciare alcolici via Internet sul mercato polacco è assurda. Gli imprenditori dell’industria dell’alcol hanno lottato per questo per anni. Siamo convinti che questa sia una situazione incoerente con i tempi attuali” – ha detto Joźwicka, che ha partecipato al panel organizzato dall’Associazione dei datori di lavoro dell’industria degli alcolici.

Secondo lei, l’e-commerce sta attualmente diventando un canale di vendita alternativo e nei prossimi anni sempre più clienti passeranno dalle vendite tradizionali ai negozi online.

“La Polonia è tra i soli 10 paesi al mondo in cui viene comerciato alcol, dove l’e-commerce di alcol non è consentito. In Europa, questo vale solo per la Finlandia e la Russia – ha sottolineato Jóźwicka. Facciamo appello per regolamentare questa situazione legale e consentire la vendita di tutte le categorie di prodotti alcolici su Internet”, ha affermato.

A suo parere, il commercio di alcol via Internet non è solo una facilitazione per i consumatori, ma anche un’opportunità per svilupparsi ed entrare nel mercato per i piccoli produttori che non possono ancora permettersi di costruire grandi reti di distribuzione costose.

“Per lo più gli alcolici premium più costosi sono venduti online, quindi sarebbe un’opportunità per il bilancio statale di aumentare le entrate IVA” – ha sottolineato l’oratore.

Le richieste degli imprenditori dell’industria dell’alcol sono sostenute anche da alcuni parlamentari.

“Abbiamo soddisfatto le aspettative di questo settore e un anno e mezzo fa presentando al Sejm un disegno di legge che consente la vendita di alcol via Internet. È stato mandato nella commissione del governo locale. E ora stiamo aspettando la sua considerazione” – ha detto il deputato Jacek Jerzy Tomczak della Coalizione polacca.

Come ha sottolineato, il problema principale è la posizione del Ministero della Salute, che teme che il rilascio di vendite di alcolici online possa portare ad un aumento del consumo di alcol nella società. I partecipanti al panel hanno deciso che queste paure non sono giustificate, perché attraverso Internet l’alcol viene acquistato quasi esclusivamente da intenditori di liquori di nicchia di alta classe, spesso locali, che sono in grado di attendere la consegna di alcol selezionato anche per un tempo più lungo.

Inoltre, non vi è alcun rischio di vendita incontrollata di alcolici ai minori, perché ci sono molti modi per proteggersi da una situazione del genere.

Il Dr. Arkadiusz Kawa, direttore dell’Istituto di logistica e magazzinaggio-Ricerca Network Łukasiewicz ha citato esempi di tali salvaguardie, che sono stati presentati anche nel rapporto preparato dall’istituto.

Questi meccanismi includono, tra gli altri, la piattaforma My ID, Trusted Profile, m-verifier, ovvero un’applicazione governativa per smartphone che dà la possibilità di verificare l’identità di una persona utilizzando l’applicazione mObywatel.

Il deputato Jarosław Sachajko ha sottolineato che tutto dovrebbe essere fatto per regolamentare le norme legali riguardanti la vendita di alcolici, anche attraverso il canale e-commerce. Secondo lui, l’attuale legislazione degli anni Ottanta del XX secolo non tiene il passo con l’attuale realtà tecnologica.

Seguici su Facebook

La nostra comunità italiana in Polonia sta crescendo. Aiutaci a diventare numerosi. Metti mi piace alla nostra pagina



Caro lettore,

La tua voce è molto importante per noi. Vogliamo condividere con te informazioni utili e argomenti interessanti per la comunità italiana in Polonia. Se c'è qualcosa, storia, evento che vorresti pubblicizzare, scrivici a info@poloniami.pl

Ti invitiamo inoltre a inviarci annunci di lavoro, piccoli annunci per la vendita / acquisto, saremo lieti di comunicarli tra la nostra crescente comunità. Stiamo aspettando le tue informazioni!